galleria fotografica
GALLERIA FOTOGRAFICA

altimetria
ALTIMETRIA (solo andata)

sat1
FOTO SATELLITARI
sat2

sat3



DOWNLOAD TRACCIA GPS PER GOOGLE EARTH:
(KML format)


istruzioni d'uso
traccia GPS
























sat4











sat5





sat6

sat7



PISTA CICLABILE SOMBRENO

Descrizione del percorso:

E’ una bella pista ciclabile a ridosso delle mura venete di Città Alta e dei colli di Bergamo, principalmente in asfalto è apprezzata d’estate grazie alla frescura delle piante e all’ombra presente nel secondo tratto del percorso.

Nel tragitto troviamo tre varianti segnate di rosso nelle immagini satellitari qui a fianco.

La pista parte da Via Baioni, Bergamo de arriva alla Madonna della castagna, sotto il colle di San Vigilio.

E’ una valida strada per raggiungere San Vigilio e Città Alta, (vedi percorso San Vigilio-via dei vasi)

Scheda:
Distanza:          10 Km (solo andata)
Dislivello:         90 metri
Durata:             30 minuti (solo andata)
Difficoltà:         bassa
Ciclabilità:        100%
Fondo:              asfalto 70%, cemento 0%, sterrato 30%, single track 0%
Percorribilità:   tutto l’anno, molto trafficata nelle domeniche d'estate

indicazioni percorso:
Si parte da Via Baioni, all’altezza del civico 24, si può parcheggiale l’auto al vicino parcheggio dello stadio (quando non ci sono le partite).

Si percorre il primo tratto su asfalto, con diverse curve fino a raggiungere Valverde. Qui dobbiamo attraversare la strada con attenzione, svoltare a sinistra e riprendere la pista 20 metri più avanti a destra.

Percorriamo un bel tratto con curve e saliscendi leggeri, due ponti di legno attraversano il torrente Morla, poi 200 metri su strada poco trafficata ed una breve salita dolce fino a raggiungere il ponte in legno a sbalzo sulla collina molto bello fino a raggiungere la via Castagneta (che porta in città alta a colle aperto).

Svoltiamo a destra fino a raggiungere la provinciale, non attraversiamo la strada ma svoltiamo a sinistra nella via chiusa parallela, al termine troviamo a sinistra la strada sterrata di Val Marina che ci porta in una vecchia cascina ristrutturata ora sede del Parco dei Colli. Proseguiamo diritti oltre il parcheggio e dopo diversi tornanti dolci in lieve salita si scollina attraversando la poco trafficata via Ramera che porta a San Vigilio.

Scendiamo lungo il percorso molto caratteristico fino a raggiungere un incrocio. A destra si puo prendere la variante Valbona descritta più avanti, noi proseguiamo diritti lungo un tratto ombreggiato ed asfaltato per circa 3 chilometri, con diverse curve fino a arrivare alla sbarra, sotto il santuario di Sombreno.

Anche in questo tratto è possibilie fare una variante, vedi variante laghetto del Gres più avanti.

Superata la sbarra, giriamo intorno alla collina percorrendo un breve tratto di strada mantenendo la sinistra oppure seguire la terza variante, variante del santuario di Sombreno descritta più avanti.

Ora ci troviamo nel lato opposto dei colli, percorriamo la sterrata di fronte a noi per circa 1 chilometro fino a raggiungere un incrocio, se proseguiamo diritti in lieve salita, facciamo un passo che ci ricollega al tratto precedentemente percorso prima del santuario, se voltiamo a destra si prosegue per 2 chilometri fino a via Madonna della castagna dove si trova il santuario, anche in questo tratto di percorso troviamo alcune varianti con brevi single track che viaggiano paralleli a pochi metri alla sterrata, molto gradevoli da fare.

Qui termina la pista ciclabile. Da questo punto possiamo tornare indietro ripercorrendo l’intera ciclabile o salire a San Vigilio seguendo le indicazioni del percorso San Vigilio-Città Alta.

___________________________________________________________________

Di seguito trovate la descrizione delle varianti, è possibile vedere il percorso dalla cartografia a sinistra, le varianti sono segnate di rosso.

Variante Valbona:
Questa variante è un tratto di circa due chilometri a “fondo chiuso”.

Raggiunto l’incrocio svoltiamo a destra e dopo 300 metri di lieve salita prendiamo la sterrata a sinistra, si scende per qualche metro per poi imboccare la galleria della ex ferrovia della valle Brembana molto caratteristica, illuminata e con belle stampe del tempo del trenino appese sopra di noi.

Superata la galleria proseguiamo sull’ ex sedime della ferrovia, a destra troviamo la bocciofila e più avanti una vecchia stazione ben conservata ora adibita a ludoteca.

Qui la pista è realizzata in blocchi di cemento molto scorrevole, bisogna fare attenzione a due attraversamenti fino a raggiungere un ponte di ferro, qui la pista termina.

Variante laghetto del Gres:
a circa 1 km dall’incrocio che ci siamo lasciati alle spalle troviamo sulla destra una sbarra, la superiamo e seguiamo la sterrata per circa 200 metri fino ad incontrare una stradina sulla sinistra, imbocchiamo la stradina e poco dopo a destra superiamo il laghetto del Gres. Proseguiamo a zig zag sulla sterrata e proseguiamo paralleli dall’altra parte del ruscello fino al ponte, ora svoltiamo a destra e percorsa una carrareccia in mezzo al prato arriviamo ad un incrocio, svoltiamo a sinistra e più avanti ancora a sinistra fino a ricollegarci alla pista principale in prossimità della sbarra prima di Sombreno.

Variante santuario di Sombreno:
200 metri dopo la sbarra percorriamo la forte salita a sinistra, la pendenza è elevata ma il tragitto breve e velocemente ci troviamo al culmine dove si trova il Santuario di Sombreno, entrati all’iterno del cortile abbiamo una bella visuale sui paesi sottostanti.

Arrivati in cima dove c’è un parcheggio, imbocchiamo la mulattiera in acciottolato a destra che scende fino a riagganciarsi a destra sulla pista principale.

 

Inserisci un tuo commento:

HTML Comment Box is loading comments...

Top page





pic1
fig. 1

pic2
fig. 2

pic3
fig. 3

pic4
fig. 4

pic5
fig. 5

pic6
fig. 6

pic7
fig. 7

pic8
fig. 8