___________________________
GALLERIA FOTOGRAFICA
Galleria fotografica
___________________________
ALTIMETRIA (solo andata)
altimetria
___________________________

DOWNLOAD TRACCIA GPS PER GOOGLE EARTH
istruzioni sull'utilizzo
della traccia GPS


___________________________
FOTO SATELLITARI
sat1

sat2

sat3

sat4

sat5

___________________________








PISTA CICLABILE VALLE BREMBANA

Descrizione del percorso:

E’ la gemella della pista valle Seriana, percorre completamente l’ex sedime della ferrovia della valle Brembana ed è caratterizzata da bellissime gallerie scavate direttamente nella roccia  ed illuminate.

La ciclabile Val Brembana parte da Zogno ed arriva a Piazza Brembana, è completamente asfaltata con doppia corsia di marcia per la maggior parte del tracciato, è ben segnalata ed è quindi impossibile perderne la traccia.

Solo in tre brevi tratti la pista si trova su strada, molto caratteristiche sono le gallerie e le varie centrali idroelettriche che si trovano lungo la strada, costruite negli anni 30.

E’ molto bella da percorrere in estate vista la frescura della parte alta della valle.


Visualizza pista ciclabile valle Brembana in una mappa di dimensioni maggiori

Scheda:
Distanza:          23 Km (solo andata)
Dislivello:         200 metri
Durata:             1,5 ore (solo andata)
Difficoltà:         bassa
ciclabilità:        100%
fondo:              asfalto 90%, cemento 0%, sterrato 10%, single track 0%
Percorribilità:   tutto l’anno, molto trafficata nelle domeniche d'estate.

Indicazioni percorso:

Come raggiungere il parcheggio di Zogno:

Raggiungere il luogo di partenza in macchina è molto semplice, autostrada A4 Milano-Venezia, uscita Dalmine, si percorre la superstrada in direzione Valle Brembana, superato il lungo cavalcavia di Sedrina ed una breve galleria arriviamo a Zogno, dopo due curve, al semaforo, svoltiamo a destra in via Pietro Ruggeri, percorsi 100 metri svoltiamo a sinistra ed entriamo nell'ampio parcheggio di fronte a noi.

 
Zogno:

In fondo al parcheggio, dopo il cavalcavia parte la ciclabile (Fig.1).

Il primo tratto corre parallelo alla strada ma più in basso, dopo 1 Km circa, raggiunta la località acquada troviamo la prima della serie di stazioni del treno della valle brembana che cento anni fa collegava tutta la valle alla città (foto), molto caratteristico in questa stazione è il “chiosco” delle toilette perfettamente in stile liberty (foto). Svoltiamo a destra come indicato dal cartello e percorriamo un tratto su strada a senso unico, superato il ponte ed attraversata la strada che porta in val Serina, comincia un tratto di ciclabile sterrata.

 
San Pellegrino:

Proseguiamo sul lato orografico sinistro del fiume Brembo dove più avanti vediamo sulla sponda opposta la nota fabbrica San Pellegrino, la sua acqua minerale si può trovare anche nei ristoranti Americani e Giapponesi.

Dopo qualche minuto raggiungiamo il paese di San Pellegrino, una breve deviazione per gustarci un caffè in uno degli storici bar del paese (fig.2), due foto al grand hotel ed al casinò tutti rigorosamente in stile liberty (foto) e poi riprendiamo la via verso la valle.

 
San Giovanni Bianco:

superiamo una centrale idroelettrica e diverse gallerie (fig.4) e raggiungiamo San Giovanni Bianco. Per un breve tratto ci troviamo su strada e superata la galleria a senso unico alternato riprendiamo il percorso su pista, poco dopo troviamo la deviazione per la casa di arlecchino, San Giovanni Bianco è il paese natale della nota maschera di carnevale bergamasca (fig.5).

 
Camerata Cornello:

Ora la pista sale lievemente ed a destra possiamo notare la centrale idroelettrica che in passato alimentava la linea ferroviaria (foto). Attraversiamo altre gallerie illuminate in modo suggestivo dal basso (foto) e raggiungiamo velocemente le abitazioni di Camerata, proseguiamo sulla strada poco trafficata con il fiume a destra e gli orridi a sinistra ed una bella chiesina dei morti costruita a ridosso della roccia (Fig.6).

 
Lenna:

Poco più avanti riprendiamo la pista ciclabile a sinistra (fig.7) che più avanti per due chilometri circa prosegue parallela alla strada ma comunque ben protetta dal guard-rail (foto), arrivati ad un parcheggio passiamo dall’altra parte del fiume attraverso un ponte in acciaio (fig.8) , poco più avanti c’è un piccolo ippodromo e “la baita dei ciclisti” ottima se desideriamo riposarci un attimo (fig.9), proseguiamo ed attraversiamo nuovamente il fiume ma stavolta su un antico ponte in pietra con la tipica forma a schiena d’asino (fig.10).

 
Piazza Brembana:

Ora la pista prosegue in mezzo ai campi e con un’ampia curva a sinistra (fig.11) e l’ultima galleria raggiungiamo Piazza Brembana e quindi anche l’arrivo  (fig.12).

Una sosta, un gelato o un altro caffè e poco dopo possiamo tornare in sella per il ritorno, sicuramente più facile perché in lieve discesa.

Buona pedalata!



Inserisci un tuo commento:

HTML Comment Box is loading comments...

Top page






___________________________
INDICAZIONI FOTOGRAFICHE

pic1
fig. 1

pic2
fig. 2

pic3
fig. 3

pic4
fig. 4

pic5
fig. 5

pic6
fig. 6

pic7
fig. 7

pic8
fig. 8

pic9
fig. 9

pic10
fig. 10

pic11
fig. 11

pic12
fig. 12
___________________________