Laghetto del Branchino







INFORMAZIONI

Il sito:

Ho creato questo sito per permettere a tutti di usufruire dei percorsi da me fatti e scoperti con tanta fatica e dare la possibilità a tutti di godere dei panorami ed angoli di natura che avete modo di vedere nelle gallerie fotografiche a disposizione nei vari percorsi.

La maggior parte dei tracciati partono ed arrivano a Ranica, a due passi da Bergamo, a circa 40 minuti da Milano (traffico A4 permettendo). Per informazioni su come raggiungere il “campo base” clicca qui.

Perchè la mountain bike?
Due semplici motivi:
 1) non si viaggia per le strade e quindi si evita problemi con le auto, semafori, e tutto ciò che si trova sulla strada

2) si è più a stretto contatto con la natura, ci si rigenera durante la nostra attività fisica.

La mountain bike è una disciplina che va oltre le due ruote, è avventura, divertimento, adrenalina, sfida, scoperta, contatto con la natura, relax.

_____________________________________________________________

....Riflessioni...
Nel nostro tempo moderno fatto di velocità, cemento, asfalto, ci ritroviamo nella lentezza della bicicletta e riprendiamo il ritmo del giusto respiro. Più in basso, in città, i semafori regolano e intralciano le giornate, le vite, sospendono i pensieri e tengono allenati alla disciplina. La mountain bike ci lascia liberi di sognare, scoprire, viaggiare senza interruzioni.

Per gli occhi è una vera esplosione di colori, ogni angolo di natura ci esalta a pedalare ancora di più nonostante la stanchezza nelle gambe…......scrutare l’orizzonte per scoprire nuove vie ci fa sentire per un attimo degli avventurieri.....In città le strade sono sempre le stesse, i sensi unici ci obbligano a giri forzati, le auto ci obbligano a rallentare, in mezzo ai boschi siamo noi a scegliere il sentiero o ad inventarne uno nuovo, gustandolo piano piano oppure percorrendolo a tutta…… 

Dopo l'ultimo sentiero in discesa a volte ci riamne l'amaro in bocca perchè non lo abbiamo percorso tutto sulla sella, ma poi ci voltiamo a guardarlo e ci diciamo: "La prossima volta ci ritento, neppure in quel tratto ripido e sassoso mi farà scendere"...e ce lo lasciamo alle spalle con un sorriso di sfida.

Il respiro affannato sente metro dopo metro la purezza e la freschezza dell’aria di montagna arricchita da profumi di fiori e piante, di animali al pascolo………Una radice, un sasso, una ghianda, le nostre mani ben strette al manubrio sentono tutto quello che le ruote incontrano durante il cammino…..Sulla cima il silenzio viene rotto solo da un lieve soffio di vento, una campana di mucche al pascolo ed il battito forte del nostro cuore.

Al ritorno parcheggiamo la nostra belva in garage, la appoggiamo al muro tutta infangata o polverosa, ci voltiamo e diciamo.....la prossima volta la freghiamo quella discesa bastarda.....