___________________________
GALLERIA FOTOGRAFICA

galleria fotografica
___________________________
ALTIMETRIA
altimetria
___________________________

DOWNLOAD TRACCIA GPS PER GOOGLE EARTH

istruzioni sull'utilizzo
della traccia GPS
________________________
FOTO SATELLITARI
sat1

sat2

sat3

sat4
___________________________






PRADALE – TRIBULINA – CASCINETTO PIGNA

Percorso ben strutturato di breve durata ottimo come allenamento o per uscite serali estive.

Descrizione del percorso:

Dal campo base si percorre la pista ciclabile Valle Seriana fino al ponte medievale di Nembro, una salita asfaltata poco trafficata ci porta in quota fino alla casa della preghiera. Si prosegue più avanti con un saliscendi attraversando diversi roccoli fino alla casa del vescovo poi una lunga discesa su cemento-asfalto fino a raggiungere Tribulina.
Un ultimo sforzo per salire e prendere il sentiero verso il cascinetto “pigna” e poi ritorno a casa. Un percorso da preferire in caso di possibile pioggia o in inverno perchè è sempre facile e veloce tornare al campo base in caso di bisogno.



Visualizza Pradale-Roccoli-Tribulina-Cascinetto Pigna in una mappa di dimensioni maggiori

Scheda:
Distanza:          24 Km
Dislivello:         650 metri

Durata:             2,5 ore
Difficoltà:         media
Ciclabilità:        100%
fondo:              asfalto 50%, cemento 0, sterrato 40%, single track 10%
Percorribilità:   tutto l'anno, caratteristico nei periodi invernali.


Indicazioni percorso:

Partendo dal campo base ci dirigiamo ad Alzano e percorriamo la pista ciclabile Valle Seriana fino a Nembro, quando raggiungiamo il ponte medievale, ci passiamo sotto e subito dopo andiamo a destra ed usciamo dalla ciclabile e percorriamo la strada asfaltata in direzione Pradalunga (fig.1), dopo 300 metri, alla prima curva a destra, proseguiamo in salita (fig.2) in via Don Luigi Minelli che si fa abbastanza tosta fin dall’inizio. Proseguiamo sempre diritti (fig.3) e superata la chiesina proseguiamo sulla strada asfaltata (fig.4) che si fa sempre più stretta man mano che saliamo e le case lasciano posto a prati e boschi, in questo tratto possiamo incontrare nei prati adiacenti capre e cavalli, d’estate è necessario attrezzarsi contro i tafani.

La salita medio dura è costante fino all’ oasi della preghiera, poco più sopra a questo centro si trova il luogo dove secondo una testimonianza apparve la madonna (vedi percorso Casale-chiesa Misma). Per proseguire dobbiamo svoltare a destra (fig.5) e passare sotto l’ex fienile della casa (fig.6).
Superiamo la sbarra più avanti e percorriamo 500 metri di sterrato fino a raggiungere una selletta con un piccolo stagno, teniamo la sterrata a destra (fig.7) e saliamo lungo il prato di Pradale (fig.8), proseguiamo diritti fino ad entrare nel bosco di fronte a noi (fig.9). Continuiamo sempre diritti (fig.10) su una sterrata malconcia piuttosto tecnica e bella da percorrere a tutta lunga 2 km circa che, passando a fianco a tre roccoli trasformati in caselle estive, ci porta al termine del bosco alla casa del Vescovo. In questo tratto non è difficile trovare orme e pozze create dai cinghiali.

Al termine del bosco, scendiamo verso la strada cementata poco più sotto (fig.11) facendo attenzione ai cani e dopo una discesa con pendenza piuttosto elevata, al secondo incrocio, svoltiamo in discesa a destra (fig.12). Percorsi 3 tornanti ci ritroviamo di nuovo in mezzo alle case e proseguiamo sempre in discesa fino ad incontrare una rotonda.

Alla rotonda andiamo diritti (fig.13) e dopo la salita, raggiungiamo la piazza di Tribulina di Scanzo, allo stop svoltiamo a destra ed alla rotonda si prosegue diritti sulla salita di via Pomarolo (fig.14). Arrivati in cima, la strada si divide, prendiamo la sterrata a destra (fig.15)  che prosegue per circa 1 chilometro nei boschi fino ad arrivare dietro il cascinetto Pigna, una bella villa semiabbandonata con una meravigliosa vista sulla bassa val seriana e città Alta. Proseguiamo sempre diritti sulla sterrata principale e superiamo un prato con capanno fino al termine, ora si scende nel breve tratto di sentiero di fronte a noi (fig.16) per circa 200 metri tenendo la sinistra fino a allacciarci ad un’altra sterrata che si stacca sinistra (fig.17).

Proseguiamo sempre sulla strada principale e dopo 1 chilometro e mezzo si raggiunge l’asfalto, facciamo la discesa di via caselle fino a raggiungere le case di Villa di serio e quando incontriamo il santuario della madonna del buon consiglio, svoltiamo a destra passandoci a fianco in via santuario, oltrepassiamo la strada e proseguiamo diritti in via degli alpini fino a raggiungere una sbarra, diritti poi a destra e dopo 50mt a sinistra dove incontriamo la pista cilcabile della valle seriana sul lato di Villa di serio. Ora è facile ritornare al campo base passando per Alzano o per S. Dionisio di Ranica.
Oltrepassata la superstrada ed il fiume Serio, svoltiamo a sinistra in Via Guglielmo d'Alzano, dopo lo stretto ponte sul torrente Nesa, raggiunta la chesina di San Dionisio di Ranica, svoltiamo a destra e subito ancora a destra in via Viandasso leggermente in salita, raggiunto il semaforo troviamo di fronte a noi ai campo base di Ranica.
 
Inserisci un tuo commento:

HTML Comment Box is loading comments...

Top page








___________________________
INDICAZIONI FOTOGRAFICHE

pic1
fig. 1

pic2
fig. 2

pic3
fig. 3

pic4
fig. 4

pic5
fig. 5

pic6
fig. 6

pic7
fig. 7

pic8
fig. 8

pic9
fig. 9

pic10
fig. 10

pic11
fig. 11

pic12
fig. 12

pic13
fig. 13

pic14
fig. 14

pic15
fig. 15

pic16
fig. 16

pic15
fig. 17
________________________