______________________
galleria fotografica
galleria fotografica
______________________
altimetria

______________________
traccia gps
traccia GPS
DOWNLOAD TRACCIA
kml - gpx - tcx
istruzioni d'uso
della traccia GPS
______________________
garmin
carica il percorso sul tuo GARMIN  QUA
istruzioni d'uso
Garmin connect
______________________
roadbook fotografico
roadbook fotografico
istruzioni d'uso
roadbook fotografico
______________________
immagini satellitari


Sat.1


Sat.2


Sat.3


Sat.4


Sat.5
______________________




 
"La bicicletta insegna cos'è la fatica, cosa significa salire e scendere - non solo dalle montagne, ma anche nelle fortune e nei dispiaceri.
Insegna a vivere.
Il ciclismo è un lungo viaggio alla ricerca di se stessi ".
Ivan Basso

VAL DEL LUJO

La valle del lujo è luogo poco frequentato dal turismo ma con bellezze e tradizioni uniche, quest’area viene chiamata la piccola svizzera perché ha mantenuto una buona armonia tra insediamento umano e natura. Con questo percorso avremo modo di visitare la valle per intero in fuoristrada percorrendo strade pastorali e sentieri passando a fianco di antiche cascine.

Descrizione del percorso:
La val del Luio è una valle laterale della Val Seriana, sulla sponda orografica sinistra del fiume Serio all’altezza di Albino nella bassa val Seriana.Dopo il trasferimento su pista ciclabile da Ranica ad Albino, avremo modo di percorrere la valle in senso orario a mezza altezza tra il fondovalle e le cime.
Durante il percorso potremo vedere antichi casolari, boschi coltivati a castagni ed antiche chiese romaniche. Dopo una salita asfaltata abbastanza dura fino quasi ad Altino, cominceremo a pedalare nella natura con Sali-scendi continui aggirando prima il monte Altino e poi rimanendo sotto il passo di Col Gallo.
Raggiunto Casale ed attraversata la provinciale si comincia a scendere a valle sempre in fuoristrada o su strade secondarie.

Sentieri percorsi: CAI 512, 513, 511


Visualizza Val del Lujo tour in una mappa di dimensioni maggiori

SCHEDA:
Distanza:
Altitudine:
Dislivello:
Durata:
Difficoltà:
Tecnica:
Ciclabilità
Fondo:
Percorribilità:
Sentieri:
35,7 Km 
min: 270; max: 865 metri slm.
850 metri
3-4 ore 
media-bassa
bassa
salita 99%, discesa 95%
asfalto 30%, cemento 10%, sterrato 30%, s.track 30%
tutto l'anno
CAI 512, 513, 511

Indicazioni  percorso:

Ranica - località Moletti (Altino):
Partenza dal campo base di Ranica, dopo 8 km di pista ciclabile della val Seriana, appena superato l’antico ponte di pietra ad Albino, svoltiamo di 180 gradi e riattraversiamo il fiume Serio sul ponte stradale seguendo le indicazioni per Casale, Fiobbio, Vallalta (fig.1).
Percorsi 1,5 Km di asfalto in leggera salita svoltiamo a sinistra verso la zona industriale in via Sandro Pertini
(fig.2) e dopo 30 metri a destra in salita in via colle Sfanino (fig.3), percorsi altri 30 metri (fig.4) si svolta a sinistra (fig.5) lungo una stretta strada che sale in mezzo ai campi fino a raggiungere dopo 2 km lo stop dove si trova il ristorante Forcella ed incrocia la strada Vallalta-Cene.
Si prosegue sulla strada dinnanzi a noi in direzione di Altino
(fig.6), ora la salita diventa abbastanza tosta ma sempre pedalabile, dopo 5 tornanti la strada comincia a salire in mezzo ai boschi e fiancheggia alcune case, dopo 500 metri dall’ultimo tornante imbocchiamo la cementata a destra (fig.7) che dopo un tratto in falsopiano diventa molto ripido per circa 300 metri.
Quando la cementata spiana lievemente svoltiamo a destra lungo il sentiero CAI 512
(fig.8), percorriamo la bellissima mulattiera che si inoltra all’interno di un bosco di castagni centenari.
 
Al termine della mulattiera saliamo a sinistra lungo una strada privata ed attraversiamo con rispetto della prorprietà delle antiche case ben ristrutturate (fig.9). Dall’altra parte troviamo la continuazione del sentiero  (fig.10) che percorriamo fino ad una radura sotto un capanno, qui manteniamo il sentiero a sinistra tra il bosco e l’erba (fig.11) fino ad incrociare poco sotto il sentiero a sinistra (fig.12).
Percorriamo questo largo e veloce single track fino a trovarci ad un altro prato, qui il sentiero si sdoppia, teniamo il sentiero basso
(fig.13) che passando sotto una baita entra di nuovo nel bosco.
Percorriamo il sentiero nel bosco per 100 metri circa ed al bivio teniamo il sentiero alto
(fig.14), mentre al successivo bivio il sentiero basso (fig.15) fino a raggiungere uno scollinamento e poi una cementata che ci porta in località Moletti dove si trova la chiesina ed un paio di ristoranti da dietro la chiesina si trova il sentiero delle api descritto nel percorso altino-via delle api.
 
Moletti - Casale:
Andiamo a destra (fig.16) verso una specie di santella semidiroccata e proseguiamo diritti in discesa (fig.17) seguendo il sentiero in mezzo al prato, entrati nel bosco giriamo a sinistra (fig.18) e proseguiamo lungo un bel single track (sentiero 513).
Più avanti il sentiero si trasforma in una stretta sterrata e dopo un saliscendi ci ritroviamo su asfalto, percorriamo la strada in discesa per 100 metri circa e quando troviamo una sbarra a sinistra la superiamo (fig.19) e continuiamo il tracciato del sentiero 413 ben seganalato che prosegue a mezza costa. Raggiunta una casa immersa nel bosco, si scende lungo un breve tratto tecnico (fig.20) e poi si un lungo single track con alcuni saliscendi dove al suo termine raggiungiamo una sterrata, proseguiamo diritti (fig.21) ed al termine ci troviamo di fronte a noi il caratteristico paese di Casale.
Prendiamo la strada che passa dietro la chiesa (fig.22) e ci troviamo in un piazzale dove sul fondo a destra, superato un portico (fig.23), ci troviamo sulla via che scende al cimitero, e raggiungiamo il provinciale Albino-Colle gallo. 

PANORAMA VAL DEL LUJO
 
Casale - Fiobbio:
Scendiamo lungo la provinciale
(fig.24) per 100 metri e poi a sinistra in via del Cereto in discesa (fig.25), dopo 50 metri, anziché seguire la strada a destra, proseguiamo diritti sotto tre enormi faggi (fig.26) su single track che dopo un tratto erboso entra in una bassa boscaglia.
Proseguiamo in discesa lungo il breve tratto sterrato
(fig.27)che poco dopo ridiventa sentiero (fig.28). Dopo un paio di passaggi rocciosi difficilmente da fare in sella ci raccordiamo ad una cementata, percorriamo la via Plazza che più avanti diventa asfaltata fino al termine, poco sopra il paese di Abbazia, raggiunto il bivio, anzichè proseguire diritti in discesa verso il paese, svoltiamo a sinistra in salita lungo via gatti Abbazia (fig.29) e proseguiamo a mezza costa tra campi e antiche cascine.
Al successivo incrocio teniamo la destra (fig.30)
e subito dopo proseguiamo diritti (fig.31), percorsi 600 metri, al tornante, continuiamo diritti (fig.32) e poco dopo proseguiamo lungo un sentiero dietro la casa (fig.33). Più avanti ci riallacciamo alla strada in prossimità di un cancello (fig.34). Scendiamo lungo la strada, prercorsi due tornanti e passati in mezzo ad una stretta via tra le case allo stop svoltiamo a sinistra (fig.35) lungo via san Benedetto, proseguiamo sempre diritti (fig.36e superiamo la chiesa romanica di Fiobbio ed il cimitero alla nostra destra.            

Fiobbio - Ranica: >
Dopo 200 metri dal cimitero svoltiamo a sinistra in salita (fig.37) ed allo stop ancora a sinistra (fig.38), dopo una ventina di metri andiamo a destra (fig.39) dove un cartello ci indica la notra prossima tappa, il luogo del delitto alla beata Morosini. Proseguiamo in salita lungo la strada e poco dopo lungo una mulattiera in salita (fig.40) che sbuca sulla strada (fig.41), scendiamo pochi metri per poi svoltare a sinistra (fig.42) lungo una sterrata che svolta dopo pochi metri a destra, al bivio proseguiamo diritti (fig.43) e percorsi 20 metri a sinsitra (fig.44) lungo un largo sentiero che arriva ai gradini che salgono verso la cappelletta a ricordo della agressione ed omicidio della beata. Seguiamo i gradini in salita fino al ponticello dopodichè dopo il ponte scendiamo a destra (fig.45).
Dopo un sentiero in alcuni tratti tecnico ci allacciamo ad una sterrata
(fig.46), porseguiamo diritti e dopo pochi metri proseguiamo in discesa su asfalto (fig.47). Raggiunto il secondo stop prendiamo la sinistra (fig.48), ora ci troviamo sulla strada fatta pirma nel verso opposto, dopo 100 metri ci riallacciamo alla ciclabile della valle Seriana che percorriamo per 8km fino a raggiungere il luogo di partenza a Ranica.
 

Iscrivetevi al gruppo facebook valleserianabike.it QUI e raccontate le vostre esperienze tra amici, grazie!
__________________________________________________________________
Note: 
Questo percorso utilizza la ciclovia della valle seriana  per spostarsi da Ranica ad Albino, una parte della salita ricalca in parte il percorso Altino-via delle api, mentre la prima parte in discesa ripercorre in senso inverso il percorso Colle Gallo - Altinello - Val Rossa .
__________________________________________________________________
info utili:
La chiesa di Abbazia:
Antico monastero eretto nel 1136 e successivamente più volte ampliato è un esempio di costruzione medievale ben conservata.
wiki/Abbazia dei Monaci Cistercensi

La beata Pierina Morosini:
Il 4 aprile 1957, pochi minuti prima delle 15, di ritorno dal suo turno di lavoro in fabbrica, viene assalita dal violentatore nel castagneto che abitualmente, due volte al giorno, attraversa per recarsi al lavoro, cerca di fuggire ma l'assalitore la ammazza fracassandogli il cranio a colpi di pietra.
Per la sua more e dedizione alla fede, fu proclamata beata nel 1987 da papa Giovanni Paolo II.
www.santiebeati.it

Portale della val del Lujo:
www.valledellujo.it

Museo etnografico di Casale:
www.valledellujo.it/museo

biligoc di casale:
Sono le rinomate castagne coltivate nella zona, molto buone e saporite.

__________________________________________________________________
 
Inserisci un tuo commento:

HTML Comment Box is loading comments...

 






Top page

 
______________________
indicazioni fotografiche


fig.1


fig.2


fig.3


fig.4


fig.5


fig.6


fig.7


fig.8


fig.9


fig.10


fig.11


fig.12


fig.13


fig.14


fig.15


fig.16


fig.17


fig.18


fig.19


fig.20


fig.21


fig.22


fig.23


fig.24


fig.25


fig.26

VEDI LA ALTRE FOTO QUI

_____________________