______________________
galleria fotografica
galleria fotografica
______________________
altimetria

______________________
traccia gps
traccia GPS

DOWNLOAD TRACCIA

istruzioni sull'utilizzo
della traccia GPS
______________________
garmin
carica il percorso sul tuo GARMIN  QUA
istruzioni d'uso traccia per Garmin (under construction)
______________________
immagini satellitari


Sat.1


Sat.2


Sat.3
______________________




 
La vita è quello che ti accade mentre sei occupato a fare altri progetti. (John Lennon)

PISTA CICLABILE DELLA VALLE IMAGNA
( CICLOVIA DEL CHITO' )


Una pista ciclabile particolare, diversa dalle solite, breve ed immersa nei boschi.

Descrizione del percorso:
Un percorso ciclabile di soli 3 km ma che merita in pieno di entrare tra le piste ciclabili proposte da Valleserianabike perché totalmente su sede propria e molto caratteristica se non unica.
Realizzata sfruttando la sede di una vecchia condotta che portava acqua fino a Clanezzo per produrre energia idroelettrica, è stata ricoperta di terra per realizzare la pista ciclabile.
La pista ciclabile è ben realizzata, in lieve salita e con tutte le protezioni necessarie per la sicurezza, se desiderate allungarla di un paio di chilometri, è possibile partire dal borgo Fonderia.



Visualizza ciclabile valle imagna in una mappa di dimensioni maggiori

SCHEDA:
Distanza:
Altitudine:
Dislivello:
Durata:
Difficoltà:
Tecnica:
Ciclabilità
Fondo:
Percorribilità:
3,2 Km (solo andata)
min: 330; max: 380 metri slm.
40 metri
15 minuti (solo andata)
bassa
nulla
100%
sterrato 90%, grigliato 10%
tutto l'anno

Indicazioni  percorso:

Ci dirigiamo al castello di Clanezzo.
Per raggiungerlo all'uscita del casello della A4 di Dalmine si seguono le indicazioni per la Valle Brembana. Arrivati alla rotonda di Almè si prosegue a sinstra seguendo le indicazioni per Almenno san Bartolomeo e Valle Imagna, superato il paese di Almenno si abbandona la strada per la valle Imagna e si seguono le indicazioni a destra che ci conducono a Clanezzo. Oltrepassato il ponte a senso unico alternato saliamo a sinistra e successivamente ancora a sinistra
(fig.1) dove parcheggiamo l’auto.
La partenza della pista non è ben visibile, per raggiungerla dobbiamo percorrere la via belvedere
(fig.2) in salita per 200 metri circa dove dopo due tornanti a sinistra troviamo l’inizio della pista ciclabile (fig.3).
Dopo una breve discesa di ghiaia 
(fig.4) ci troviamo subito sopra la sede della condotta, a sinistra dopo 30 metri possiamo vedere i resti del sistema idrico della centrale oramai abbandonata.
 
Cominciamo a risalire la valle, la ciclabile corre a mezza costa nel bosco
(fig.5) con alcuni tratti a ridosso delle rocce che sono state scavate durante la realizzazione della condotta e risistemate per la ciclabile (fig.6), in un paio di punti il percorso procede su griglie metalliche sotto alle quali si vede ancora il canale originario (fig.7).
Il percorso mantiene sempre una larghezza adeguata per pedalare in compagnia di qualche amico o famigliare, durante il percorso si trovano alcuni punti di sosta attrezzati per il pic-nic.

IL PORTO DI CLANEZZO

Dopo 2 km dalla patenza raggiungiamo l'alto ponte in pietra del chitò che veniva usato negli anni '80/'90 per fare free climbing sui piloni (fig.8).
Sopra la condotta hanno costruito la ciclabile su grigliato e parapetto metallico, discutibile dal lato estetico ma molto sicuro da percorrere.
Più avanti si passa dall’altra parte della valle pedalando su un alto Ponte di pietra nel comune di Strozza, percorso poco meno di 1 chilometro si arriva al termine della ciclabile alla frazione Mezzasco del comune di Strozza
(
fig.9).
   
pontedel chitò
IL PONTE DEL CHITO'
Partenza da Fonderia:
Se desiterate allungare il percorso di un paio di chilometri è possibile partire dalla località Fonderia (fig.10), percorrere la sterrata tra il canale ed il fiume Brembo (fig.11), attraversare il ponte sospeso di Porto di Clanezzo (fig.12) (fig.13)e risalire fino al punto di partenza della ciclovia (fig.14).
Nel borgo di Fonderia non ci sono parcheggi quindi bisogna parcheggiare sopra a lato della statale 470 della val Brembana.
Per raggiungere il luogo di partenza, alla rotonda descritta sopra, proseguire diritti verso la valle Brembana, e terminate le case, parcheggiate in uno degli ampi spiazzi sterrati a bordo della statale sulla sinistra trovate la discesa che porta nel caratteristico borgo di Fonderia adagiato nel letto del fiume poco più in basso.


IL MILLENARIO PONTE DI ATTONE
buon divertimento!
__________________________________________________________________
INFO:
Il ponte di Attone:
il ponte di attone, realizzato 1000 anni fa è un esempio di architettura medievale con tanto di dogana e porto annessi.
info
 
Sentiero naturalistico del chitò:
fonte ecoturismovalleimagna qua


Inserisci un tuo commento:

HTML Comment Box is loading comments...



Top page


______________________
indicazioni fotografiche


fig.1


fig.2


fig.3


fig.4


fig.5


fig.6


fig.7


fig.8


fig.9


fig.10


fig.11


fig.12


fig.13


fig.14


_____________________